JAZZ BLUES ROCK LA MUSICA DI MAURIZIO

Il re solo. Trionfo e tragedia di Michael Jackson.

 

 

 

 

Michael Jackson e' stato la piu' grande Star del 20 secolo. Un bambino prodigio trasformato in Re del Pop e alla fine in un Freak. La sua morte e' la fine di una tragedia.

E ora che cosa rimane? Questo. Pezzi come Billy Jean per esempio, che per piu' di 4 minuti battono sempre su 2 note con un ritmo sempre a seguire.....the kid is not my son.....Billy Jean,scrivono i critici,sono 5 minuti da esaurimento nervoso. Cosi almeno si diceva allora.

Forse molti non la conoscono ma e' stata definita una delle piu' belle canzoni della storia del Pop,canzoni che gli ha portato ad avere il premio nei MTV,cosa mai successa prima per un artista di colore,canzone che si puo' ora sentire solo in qualche Oldiesradio oppure nelle palestre,tra un'ora di fitness e l'altra, combattendo contro la paura di invecchiare che e' stata anche la paura melanconica di Michael Jackson.

Adesso l'uomo che non voleva invecchiare e' morto,all'ora di pranzo,giovedì scorso, a Los Angeles.

Non sono mai stato un Fan di Michael Jackson e non lo saro' mai, bisogna dare atto pero' che la sua fama ha raggiunto livelli mondiali per lungo tempo e ha dimostrazione del fatto ci sono,dopo un'ora dalla sua morte, le manifestazioni di cordoglio davanti alla sua casa e davanti all'osprdale dove e stato portato e dove e deceduto.

Pochi minuti dal suo decesso la notizia correva gia' in rete provocandone quasi il collasso,Google segnalava in continuazione Error,Twitter non piu' raggiungibile,gli elicotteri dei maggiori Network volavano sopra l'ospedale come avvoltoi,masse di reporter lottavano per avere un posto migliore alla caccia di foto, programmi televisivi cominciavano dirette Nonstop che continuavano anche il giorno dopo la sua morte, non avrebbe potuto esistere posto migliore al mondo per mettere in scena un evento del genere,Los Angeles. Michael Jackson  moriva cosi' come era vissuto,al centro dell'attenzione, seguito da un mondo che ormai vedeva in lui solo la follia di un Clown,da un mondo che ormai lo ricordava solo come potenziale pedofilo,abbastanza per mettere in scena uno spettacolo di straordinario effetto.

Ma che cosa rimane veramente dopo la sua morte? Quando mori' Elvis Presley nel 77 lascio' in eredita il Rock'n'roll ai giovani,quando John Lennon fu ucciso, nell'88 rimase il ricordo di un artista intellettuale che ha dimostrato al mondo come anche il pop poteva cambiare il mondo e quando Kurt Cobain si infilo' la canna del fucile in bocca lascio in eredita' l'immagine di una gioventu' che non si rispecchiava piu' in certi valori.

Michael Jackson non era nessuna di queste Icone,lui era un solitario che viveva nel suo pianeta, l'unico Signore di un mondo abitato solo da lui,dentro la sua favola dalla quale il vero Michael Jackson non sarebbe mai piu' uscito.

30.6.09 12:07

Werbung


bisher 0 Kommentar(e)     TrackBack-URL

Name:
Email:
Website:
E-Mail bei weiteren Kommentaren
Informationen speichern (Cookie)


 Smileys einfügen